Rimodulazione spiaggia baia

SalernoCantieri&Architettura

 

Rimodulazione della spiaggia della Baia

risistemazione

Attualmente l'area antistante la spiaggia della Baia, e la spiaggia stessa, versano in una condizione di degrado ed abbandono, con una evidente sproporzione tra la porzione di costa in concessione privata e la restante parte pubblica e libera. Ben oltre la metà del litorale è dato in concessione allo stabilimento privato, con il risultato che il gran numero di cabine presenti occulta la vista del mare e della costiera amalfitana, di cui Salerno, con la spiaggia della Baia, è la porta di accesso.

 

A questa sproporzione andrebbe posto fine, nei limiti di propria competenza, con un'equa divisione dello spazio tra pubblico e privato. All'ingresso della spiaggia libera è presente un inutile muro in cemento armato che sbarra la vista ed il passaggio ai bagnanti, mentre il marciapiede in cemento grezzo appare notevolmente rovinato per il costante e frequente passaggio di macchine e motocicli che lo sfruttano come area di sosta selvaggia regolata da improbabili parcheggiatori abusivi.

 

Dunque, la nostra idea progettuale prevede l'assegnazione di una porzione del parcheggio antistante l'ingresso al lido ed alla spiaggia libera al parcheggio esclusivo dei motocicli, onde evitarne la sosta irregolare. Dovrà, poi, essere abbattuto il suddetto muro in cemento armato; pedonalizzato e pavimentato il marciapiede attualmente in cemento; predisposta una rastrelliera per biciclette lungo lo stesso (salvaguardando gli scivoli di accesso per i disabili). Sarebbe opportuno anche procedere alla piantumazione di nuovo verde pubblico, in continuazione con l'asse di via Ligea, e disporre la realizzazione di una pista ciclabile, da ricongiungersi con quella del lungomare, a margine del parcheggio stesso.

 

Da questo intervento ne deriverebbe un deciso recupero della zona, con conseguente abbellimento, e riordino della sosta di auto e motocicli.

Copyright © 2016 www.arcansalerno.com - riproduzione vietata

Designed by Sara Antinozzi The Imagemaker