Chiesa della SS Annunziata
Chiese e Cappelle

CHIESA DELLA SANTISSIMA ANNUNZIATA

 

L'edificio costruito nel 1627 con il nome di Santissima Annunziata Nuova, andò a sostituire la vecchia chiesa di fine quattrocento che, nel 1626, fu distrutta da un'alluvione. Quest'ultima fu edificata in sostituzione della Santissima Annunziata Vecchia o Extra Moenia.

La chiesa attuale è il risultato di interventi di restauro di inizio Settecento ad opera di Ferdinando Sanfelice il quale progettò il monumentale campanile che sorgeva di fianco la scomparsa Porta Catena.

 

La chiesa presenta la facciata su via Portacatena arricchita da due nicchie sagomate in marmo, oggi prive delle statue previste dal progettista Francesco Ragozzino, situate ai lati del portale sovrastato da un tondo a bassorilievo rappresentante l'Annunciazione; la porta è in rame sbalzato.

 

L'altare maggiore di marmo venne realizzato nel Settecento da Matteo Bottiglieri e da Filippo e Giovanni Ragozzino; al primo si devono i due monumentali angeli posti a capoaltare e i putti ai lati della mensa. Sugli altari laterali sono collocati due grandi dipinti alti tre metri: Un San Francesco di Paola opera di Luigi Montesano e un San Biagio vescovo, di autore ignoto. Di Pasquale Avallone sono i tondi delle cappelle laterali e del transetto raffiguranti i Profeti, realizzati nel 1913. Di rilevante importanza l'organo in legno del 1880 in stile neogotico, opera dell'organaro Giovanni Battista De Lorenzi caratterizzato da tre tastiere in avorio ed una pedaliera di ventisette pedali, originariamente previsto per il Duomo di Schio ma giunto nel 1888 a Salerno. Gli arredi della sagrestia furono eseguiti dal mastro intagliatore Saviotto nel 1712 su disegno di Pietro Vinaccia.

Fu severamente danneggiata durante i combattimenti dello sbarco di Salerno nel settembre 1943 e fu parzialmente sommersa dall'alluvione di Salerno del 1954. Nel 2007, pur se aperta al culto, presentava problemi statici, dovuti all'infiltrazione d'acqua, sia al tetto che al campanile: a causa di ciò, si corse ai ripari costruendo una copertura in ferro al di sopra del tetto.

Il 16 luglio 2008, a causa di un corto circuito, il retroaltare principale è andato in fiamme, distruggendo completamente un gruppo ligneo raffigurante l'Annunciazione realizzato alla metà dello scorso secolo.

 

I restauri, durati dal 2011 al 2014, hanno portato, tra le varie cose, al recupero dell'originaria immagine della cupola con il ripristino del rivestimento in maioliche al posto dell'anonima calotta in rame.

 

Indirizzo: via Porta Catena

Copyright © 2014 www.arcansalerno.com - riproduzione vietata

Designed by E45 Creative Design Studio