Palazzo di Governo
Home
ARCAN
Arte
Natura&Sport
Eventi
Vivere Salerno
Come Arrivare
Contatti
Architettura Tra Due Guerre

PALAZZO DI GOVERNO

(Palazzo Littorio o della Prefettura)

 

Il Palazzo di Governo (o Littorio o della Prefettura) è situato nella parte occidentale della città di Salerno, vicino al Palazzo di Città.

 

Il progetto dell'edificio è stato redatto nel 1936 dall'architetto Alfonso Amendola e degli ingegneri Luigi De Angelis e Michele Ricciardi e fu pubblicato sulla copertina del Popolo Fascista, organo di informazione del regime, nel 1937.

Inizialmente l'edificio doveva essere costruito nei pressi della stazione ferroviaria, ma poi si decise di edificarlo vicino al costruendo Palazzo di Città.

I lavori iniziarono nel 1938 e terminarono nel 1941. L'anno successivo, allo scopo di arricchire l'aspetto estetico dell'edificio, venne realizzato sulla parete orientale dell'edificio un'opera in ceramica de maestro Renato Rossi raffigurante il Sogno di Bellerofonte.

 

Durante lo sbarco alleato del 1943, subì notevoli danneggiamenti e, dopo essere stato restaurato negli anni cinquanta, perse la maggior parte delle pitture e dei rilievi compresa l'opera di Renato Rossi.

 

L'architettura dimostra l'evoluzione razionalista del modello fascista passato dall'ispirazione classica di cui è esempio il vicino Palazzo di Città. Il nuovo stile si caratterizza per le linee scarne ed essenziali e per una propensione crescente alla contrapposizione tra corpi orizzontali e corpi verticali.

L'edificio è a forma di "C" e , nella sua parte orientale, chiude la villa comunale. La facciata su via Roma presenta da un lato arcate a tutto sesto poggianti su pilastri in cemento e dall'altro, aperture rettangolari e quadrate. L'ingresso è situato in piazza Amendola ed è coperto da volte a crociera a cui originariamente, prima dei lavori di ristrutturazione degli anni cinquanta, seguiva un porticato che consentiva di raggiungere il Lungomare Trieste.

Sul fronte mare sorge l'alta e massiccia torre, un tempo arriccita dalla citata opera di Renato Rossi. Al piano terra dell'edificio, alla base della torre, si trova il Sacrario alle Medaglie d'oro dei Caduti di guerra. Quest'ultima è una grande sala con copertura a volta, rivestita in marmo, in cui è posto un altorilievo in marmo raffigurante una figura maschile nuda che impugna una lunga spada, opera dello scultore Francesco Saverio Paolozzi.

 

Indirizzo: Piazza Giovanni Amendola

Copyright © 2014 www.arcansalerno.com - riproduzione vietata

Designed by E45 Creative Design Studio