Museo del Castello
Musei

MUSEO ARCHEOLOGICO DEL CASTELLO

 

L’acquisizione del castello a patrimonio della Provincia di Salerno, nel dicembre del 1960, segnò l’inizio di un ambizioso progetto di recupero del monumento inteso come la parte più notevole del sistema difensivo di Salerno.

Dopo trent’anni, l’acquisto della Torre Bastiglia nel giugno del 1990 ha rappresentato un ulteriore importante tassello per la salvaguardia e la valorizzazione delle opere di fortificazione della città.

 

I primi lavori di restauro permisero la creazione di un nucleo espositivo di ceramiche e di reperti provenienti dal Castello stesso, di sale per mostre, conferenze e congressi, oltre ad una serie di altri servizi indispensabili per il funzionamento del monumento stesso, ambienti tutti concentrati nella sola zona dell’ampliamento aragonese, aperta al pubblico nell’ottobre del 1982.

Il materiale custodito negli spazi del Museo proviene sia dagli interventi di restauro attuati tra gli anni ’70 e ’80, sia dalle indagini condotte nel 1991 ed è composto da un notevole materiale ceramico la cui progressione temporale indica una frequentazione continua del complesso.

Tutto il materiale rinvenuto è visitabile all’interno della fortezza ed è suddiviso per sezioni: Ceramiche, Vetri, Metalli.

A queste si è aggiunto, con la riorganizzazione del 2009, il Museo Multimediale del Castello.

 

La sezione delle Ceramiche: Il castello, tra il IX e l’XI secolo ha ospitato vari presidi militari, per cui la ceramica rinvenuta è riconducibile prevalentemente ad uso di sussistenza dei soldati . Le produzioni ceramiche da cucina e da dispensa presentano una certa serialità, mentre la tipologia del materiale indica una provenienza di tipo locale. A cavallo del nuovo millennio, il castello fu abitato da un dominus, per cui accanto alle stoviglie da mensa e da dispensa si ritrovano manufatti più raffinati e costosi provenienti prevalentemente dal Maghreb, indicativi dell’intenso traffico commerciale tra il nord Africa e l’area campana. La tipologia delle ceramiche è varia, comprendendo ceramica a bande rosse, spirale at, invetriata, graffita e proto maiolica.

 

La sezione dei Vetri: Numerosissimi sono i frammenti di vasellame in vetro consistente in quelle che erano le forme principalmente in uso nel perioto che va tra l’XI ed il XVII secolo e vede una cospicua tipologia di forme destinati agli usi più molteplici, dal vasellame da mensa a quello per ampolle ed unguenti fino alle lucerne destinate all’illuminazione. La maggior concentrazione di materiale è relativa ai secoli XV e XVI e coincide con il passaggio dell'immobile alla famiglia dei San Severo, con il conseguente cambiamento di destinazione d'uso da militare a residenziale.

 

La sezione dei Metalli: Durante le operazioni di scavo sono stati recuperati cospicui quantitativi di oggetti in metallo. Tali reperti sono ascrivibili ad un arco di tempo che va dall’alto medioevo all'epoca contemporanea. Il materiale recuperato è relativo ai vari usi come chiavi, serrature, coltelli, chiodi, cardini e cerniere di porte e finestre, accessori per l'abbigliamento e ornamento personale come spille, anelli e fibbie, elementi distintivi militari quali finimenti e ferri da cavallo, bardature e armi da cavalieri. I reperti sono essenzialmente in ferro e in bronzo, le cui fonti di approvvigionamento sono state identificate in piccoli giacimenti locali nei pressi di Amalfi, Giffoni e Sarno, mentre la produzione e quasi esclusivamente di fattura locale.

 

Il Museo Multimediale: è un progetto “work in progress” ideato con l’obiettivo di raccogliere e condividere con il pubblico il materiale raccolto facendolo fruire con una modalità alternativa. Il Museo Multimediale del Castello medievale offre un variegato percorso che spazia tra antichi ritrovamenti, materiale fotografico, filmati storici ed usanze medievali gelosamente custoditi e valorizzati dalla Società di Gestione del Castello di Arechi. Quasi un viaggio nel tempo e nello spazio che ripercorrerà gli antichi fasti e le eroiche gesta degli abitanti dell’antico maniero, eretto a roccaforte della città di Salerno.

 

APERTURA

Giorni di apertura: dal Martedì alla Domenica (chiuso il Lunedì)

Orario di apertura invernale: 8.30 - 17.00 (dal Martedì al Sabato) | 9.00 - 17.00 (Domenica)

Orario di apertura estivo: 8.30 - 19.00 (dal Martedì al Sabato) | 9.00 - 19.00 (Domenica)

Ingresso: € 5,00 (intero) | € 2,50 (ridotto) | Gratuito per determinate categorie

 

Indirizzo: Castello di Arechi II - via Croce | tel. 089 296 4015 | email: info@ilcastellodiarechi.it | web: www.ilcastellodiarechi.it

Copyright © 2014 www.arcansalerno.com - riproduzione vietata

Designed by E45 Creative Design Studio