Il Grattacielo
Home
ARCAN
Arte
Natura&Sport
Eventi
Vivere Salerno
Come Arrivare
Contatti
Palazzi Storici

IL GRATTACIELO

(Torre dell'ex-Grand Hotel Diana)

 

La torre di piazza Flavio Gioia si impone nella sua attuale mole dagli anni 50 del 1900, ma la struttura originaria risale alla seconda metà dell'800, quando la sua già notevole sagoma in pietra rossa si evidenziava tra gli altri edifici della cortina edilizia dell'allora via Marina, edificato ad opera della comunità inglese stanziata a Napoli.

L'edificio, destinato ad albergo, era all'epoca affacciato sul mare e sull'ampia strada che collegava la città a Napoli, è solo con le edificazioni del ventennio fascista si è avuta la chiusura al mare.

 

Fino al 1934 l'edificio è rimasto nella configurazione originaria, ancora riconoscibile nei quattro livelli inferiori. Dopo la ricostruzione del secondo dopoguerra, l'edificio subisce due ampliamenti con l'accorpamento dell'edificio a nord prima, e la sopraelevazione avvenuta nel 1950.

L'albergo, sotto il nome di Grand Hotel Diana, è stato a lungo il luogo di soggiorno preferito dei turisti e, per la sua altezza, oltre ad essere stato l'edificio più alto della città fino alla costruzione del complesso ex-UPIM, era conosciuto come "il Grattacielo". La particolare posizione ed elevazione spinse inoltre a realizzare un ristorante panoramico al piano attico.

 

Alla fine degli anni '70 l'edificio subisce un cambio di proprietà passando dalla famiglia Grasso alla società Pastore Costruzioni S.p.A. che ne chiede la modifica di destinazione d'uso.

Il 9 luglio 1979 il Comune di Salerno delibera il cambio di destinazione d'uso da alberghiero ad uffici, negozi ed abitazioni civili. L'accesso principale da Piazza Flavio Gioia è dotato di una scala che porta fino al terzo piano della vecchia struttura originaria. L'ingresso secondario, posto su via Roma, è servito da due ascensori che permettono il collegamento fino all'ottavo piano, mentre dal primo piano si accede a due scale che consente l'accesso alla parte bassa del complesso.

Oggi l'edificio domina Piazza Flavio Gioia, punto nevralgico della movida salernitana, nella sua rinnovata veste frutto di un recente restauro.

 

Celebre è una foto realizzata al bar dell'albergo e ritraente l'attore napoletano Totò insieme al proprietario dell'Albergo, il sig. Grasso, ed al barman Elviro, salernitano di origini turche da cui si dice trasse ispirazione Totò per interpretare il suo personaggio nel film del 1953 "Un Turco Napoletano".

 

Indirizzo: Piazza Flavio Gioia, 3

Copyright © 2014 www.arcansalerno.com - riproduzione vietata

Designed by E45 Creative Design Studio